Quale client email per Mac ?

Bella domanda ! Purtroppo la nostra amata Apple ha un po’ trascurato il suo client nativo Mail, ad oggi arrivato alla versione 9.2

Conoscendo Apple mi aspetto prima o poi un upgrade significativo. Loro ci arrivano, qualche volta troppo piano, ma ci arrivano, per poi spesso migliorare quello che gli altri hanno prodotto.

Ad oggi però Mail è graficamente poco organizzato e macchinoso, secondo me con troppe funzioni inutili e poco “Apple style”.

Personalmente sto utilizzando Unibox perché offre un sistema di raggruppamento email per contatto che da come risultato una visione d’insieme davvero comoda ed efficace, con un’interfaccia pulita e snella. Manca purtroppo di una funzione che su Mail utilizzo per lavoro quasi quotidianamente: il sistema per ridurre in automatico il peso degli allegati fotografici.

Incollo di seguito un altro interessante articolo, che l’autore mi ha gentilmente concesso e che penso possa offrire un buon spunto di riflessione per chi deve ancora decidere quale client di posta elettronica utilizzare per il suo Mac:

Dopo aver provato in serie quattro diversi client email per Mac sono infine tornato a Mail convinto di avere tutto sommato fatto la scelta giusta. Di seguito la mia esperienza.

POSTBOX

Postbox a mio avviso è l’unico vero rivale di Mail su Mac. Offre una vasta gamma di opzioni ed integrazioni che ne fanno un’ottimo strumento di lavoro anche per i social network e per Dropbox.

Ha un eccellente sistema di indicizzazione, ricerca, raggruppamento e tagging delle email su cui non si può assolutamente sollevare alcuna obiezione.

L’unico vero problema di questo client è l’avvio, che diventa sempre meno veloce man mano che aumentano le dimensioni delle vostre caselle. Purtroppo questo problema non è facilmente risolvibile, anche comprimendo le caselle.

THUNDERBIRD

Thunderbird ha l’indubbio vantaggio di essere assolutamente free. L’ho usato in passato su Windows e per due anni circa su Mac. All’epoca tuttavia la differenza con Mail era a tutto vantaggio dell’applicazione di casa Mozilla, ma oggi il paragone purtroppo non regge.

Su Mac Thunderbird sembra un pesce fuor d’acqua, ma non per le operazioni fondamentali, quanto piuttosto per l’integrazione col sistema operativo. Per esempio ho provato ad importare le mie mailbox da Mail ma il programma non è stato in grado di farlo su OS X Mavericks.

In altre parole, Thunderbird risente di tutti quei difetti tipici dei programmi open-source multipiattaforma: stenta ad integrarsi bene in OS X sfruttandone le caratteristiche.

AIRMAIL

Airmail è invece confezionata a misura per OS X e ne sfrutta appieno le caratteristiche. Quest’app, che utilizza solo il protocollo IMAP, ha un’interfaccia ed un look and feel perfettamente in sintonia con il Mac.

Purtroppo allo stadio attuale crea più problemi di quanti non ne risolva: infatti è ancora immatura e flagellata da una serie di fastidiosi bug per la cui risoluzione è sempre necessario aspettare l’update sull’App Store.

UNIBOX

Unibox, come Airmail, nasce per il Mac, ma a differenza del suo concorrente si basa su un concetto del tutto nuovo: le email vengono organizzate per persona.

Unibox is a people-centric email client that organizes your messages by person. The contact list on the left is sorted by the date of the last email and each person is displayed only once.

Si tratta di un client solido e stabile ed anche performante. Gli unici difetti tuttavia sono la mancanza di alcuni elementi della GUI tipici dei client più tradizionali, come ad esempio un indicatore dell’avanzamento del download dei nuovi messaggi ed una gestione avanzata delle opzioni di composizione. Come Airmail, questo client utilizza esclusivamente IMAP.

CONCLUSIONE: DI NUOVO CON MAIL

Alla fine sono tornato ad usare Mail perché a conti fatti é il client più equilibrato tra quelli che ho provato (qualcuno direbbe “mediocre”, ma in medio stat virtus).

I problemi con Gmail citati da alcuni (che io fortunatamente non ho avuto) per IMAP si risolvono usando POP, con cui tra l’altro possiamo avere una copia locale sicura delle nostre mail, sicura nel senso che scarichiamo i messaggi e siamo al riparo dai capricci del server remoto.

E considerando che Mail non ha costi aggiuntivi, direi che tutto sommato sono soddisfatto della mia scelta. Un momento: ho detto “soddisfatto”? Facciamo gli scongiuri…

di Gabriele Romanato

DayOne – il tuo diario

Ho sempre adorato tenere un diario personale. Durante i tempi della scuola il diario spesso corrispondeva al diario scolastico, che con le dovute precauzioni doveva essere fatto vedere ai genitori e professori solo nelle parti essenziali e non personali.

Poi per un lungo periodo, dopo la scuola, ho smesso di scrivere e successivamente ho ripreso più o meno con la nascita dei miei bimbi. Chiaro che in questa seconda fare il diario personale si è trasformato da cartaceo a digitale. L’ho scritto utilizzando diverse applicazioni e programmi, da Word a Pages, da un semplice foglio di testo a files più elaborati. Spesso dividevo i diari personali da quelli dei viaggi o degli eventi particolari creando un po’ di confusione e disorganizzazione.

Poi ho scoperto quella che tutt’ora considero la migliore applicazione per tenere un diario: DayOne

Da quando l’ho provata e subito dopo acquistata non l’ho più lasciata. A volte scrivo quotidianamente, in altri periodi molto meno, ma sono riuscito a raccogliere tutti i miei testi, associandoli a diverse immagini, in un’unica applicazione e questo mi da davvero una gran soddisfazione.

Adoro l’assoluto Apple Style di questa app: poche funzioni, semplice, con un design equilibrato e una funzionalità di un’immediatezza assoluta. Come dovrebbero essere tutti i programmi.

Io sono arrivato più o meno a 165 pagine e sto importando anche i vecchi diari cartacei, per lo meno solo nelle parti più importanti e significative per me.

Se cerchi un’app per tenere un diario con DayOne farai la scelta giusta.

Radio24 su iTunes

iTunes è il centro multimediale di ogni possessore di computers Mac e non solo, perché utilizzabile anche su Windows.

Personalmente trovo molto comodo avere un unico software che si occupa autonomamente di organizzare i files media sul computer, senza dover pensare alla creazione di directories, sotto-directories e via dicendo.

Su iTunes ascolto la mia musica, guardo i miei films, li noleggio, archivio i miei filmati personali, ascolto i miei podcast preferiti e naturalmente ascolto le radio che mi interessano.

In genere amo seguire Radio24.

Visto che Radio24 di default non fa parte dell’elenco delle numerose Radio presenti su iTunes è sufficiente seguire questi pochi passaggi:

File -> Apri streaming…

Nella finestra che si aprirà basterà inserire questo link: http://shoutcast.radio24.it:8000/

Per salvare l’indirizzo sono poi sufficienti questi passaggi:

1) creare una playlist chiamata per esempio “Radio preferite”Playlist

2) dalla nuova playlist cliccare su “aggiungi a…” in alto a destra

3) verificare che Radio24 sia attualmente in ascolto e trascinare l’indirizzo che comparirà all’inizio dell’elenco, dentro la colonna di destra e poi cliccare “Fine”

aggiungi a

Speciale di multiplayer.it su Football Manager 2014

Clicca qui per leggere lo speciale di multiplayer.it su Football Manager 2014

Per un appassionato di Football Manager come me, che ci gioco da 20 anni (ma quanto vecchio sono ?? ) leggere che Miles Jacobson sia un tifoso dell’Udinese, per quanto riguarda l’Italia, non può che farmi piacere 🙂

Forza FM, forza Udinese, forza Watford 🙂

Around Family Blog

Portaci i bambini

Lorenzo Manara

Leggo storie fantastiche. Da grande voglio fare lo scrittore.

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

lorismenoss

Questo sito WordPress.com è il migliore che ci sia

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

donatovestecasa

La casa … un gioco di stile e praticità!

MarketsToday

Diario di Bordo di un Trader - Il Blog Finanziario di MaxSeveri

Leorgrium's Blog

Where the game lives...

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

sofiajeanne

Diario di una dis-illusa

The Wood Lab

Experiments of a woodworker

Il Ponte del Diavolo

Il romanzo d'esordio di Alberth Mayhem

Alberto Misano

consigliere (ex) comunale a Manzano (UD)

L' occhio del cineasta

La porta su un altra dimensione

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

Birri Blog

Internet, Tecnologia e Natura

bipasrl.wordpress.com/

Macchine e attrezzature per la lavorazione del Legno

Full Disclosure

Eve capitalism, fully disclosed